Visible people – Esperienze di teatro e arte con persone in viaggio

Visible people – Esperienze di teatro e arte con persone in viaggio

GIOVEDÌ 23 LUGLIO

/ Ore 19.00

UDINE

/ Parco Sant'Osvaldo

Ingresso libero

/ fino ad esaurimento posti

Visible people - Esperienze di teatro e arte con persone in viaggio

Coordina Rita Maffei

Teatro e migranti: attori, registi e operatori si confrontano sul ruolo che i linguaggi e le pratiche teatrali possono avere nelle dinamiche di integrazione e sostegno alle persone migranti e richiedenti asilo.

In questo incontro entreremo in contatto con esperienze diverse per modalità e contesti, condotte da operatori del territorio o che qui hanno transitato. Si spazierà da percorsi di teatro con migranti in strutture di prima accoglienza, a spettacoli con rifugiati del progetto Sprar, fino a testimonianze di ragazzi che devono ancora decidere se restare o partire per inseguire un sogno.

In che modo l’arte e il teatro possono rendere visibili queste persone?

Con

Angelo Campolo, Andrea Ciommiento, Elisa Menon, Virginia Di Lazzaro, Marco Orioles, Wajid Abassi, Faraht Hussein

Angelo Campolo

ripercorrerà il lungo lavoro che ha visto il coinvolgimento di più di 50 giovani richiedenti asilo attraverso laboratori, messe in scena e progetti d’integrazione a Messina, per l’ideazione e la costruzione dello spettacolo “Stay Hungry – indagine di un affamato”.

Elisa Menon

ha lavorato all’interno del C.A.R.A di Gradisca dal 2014 al 2017 realizzando quattro percorsi di laboratorio rivolti agli ospiti della struttura e a
partecipanti esterni, al termine di ogni percorso è andata in scena una performance pubblica aperta a tutta la cittadinanza. Il successivo progetto Gardening (2018-19) propone azioni condivise di Giardinaggio e Teatro, ripensando i temi dell’inclusione e dell’integrazione in modo contemporaneo. Il giardino è il luogo dell’incontro, da sempre, tra vicini, tra persone che hanno naturalmente qualcosa in comune ma non
necessariamente per scelta.

Andrea Ciommiento

presenterà Afropolitan LAB, un progetto sviluppato dal 2014 al 2017 tra Francia, Italia e Senegal con laboratori e spettacoli di narrazione interculturale. Il video reportage “Partir pour l’Europe, rester pour l’Afrique” racconta il lavoro svolto in Senegal con un gruppo di ventenni che fanno teatro, per alcuni dei quali la migrazione in Europa non coincide con la fuga dalla povertà o dalla guerra ma con il desiderio di seguire un sogno.

Virginia Di Lazzaro

parlerà di Playing For Change, un progetto di Ospiti in Arrivo in
collaborazione con UNHCR Italia e Intersos che si propone di promuovere
l’inclusione attraverso il gioco del cricket. La necessità di testimoniare questo
progetto ha fatto germogliare un altro percorso: la creazione di un documentario
video che verrà realizzato da Wajid Abassi (Itapak films) insieme a Marco Orioles e
Faraht Hussein (Europe Info Tv).
https://www.youtube.com/channel/UC6To7PE662tXArayuuYlkKg/featured

L’incontro sarà moderato da Rita Maffei, attrice e regista del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, che nel 2019 ha diretto Human link. Storie di persone in viaggio, uno spettacolo di arte partecipata realizzato con i rifugiati dei progetti di accoglienza SPRAR gestiti da Fondazione Città della Pace e Arci Basilicata e con giovani cittadini delle comunità di accoglienza della Basilicata.