Territori da (ri)scoprire

Mostra fotografica

ex Ferramenta Krainer
Giovedì 18 ottobre, ore 18.30 / Vernissage
Venerdì 19 ottobre, ore 19.30 – 22.30
Sabato 20 ottobre, ore 15.00 – 20.00
Domenica 21 ottobre, ore 11.00 – 20.00
Venerdì 26 ottobre, ore 16.00 – 20.00
Sabato 27 ottobre, ore 16.00 – 20.00
Domenica 28 ottobre, ore 11.00 – 20.00


 

Il progetto “Territori da [ri]scoprire” del Consorzio Culturale del Monfalconese promuove la fotografia come mezzo di analisi della contemporaneità; se ne fanno portavoce Massimo Crivellari e Roberto Francomano.

Crivellari, fotografo d’architettura, con il corpus “Sul filo dell’acqua” documenta i segni lasciati dall’uomo sul territorio di bonifica della Pianura Isontina. Nelle sue immagini sia le grandi strutture di trattamento delle acque – centrali, dighe, idrovore – sia le strutture secondarie – chiuse, argini e chiaviche – seguono il flusso dell’acqua che le attraversa e diventano espressione dello spirito di chi le ha progettate così come dell’acqua che le percorre, icone di un’integrazione uomo-territorio.

“Storie di terra e di acqua” di Francomano parallelamente mette in luce le storie minime delle persone che abitano questi territori. Momenti di vita, sapori, suggestioni e ricordi raccontano un legame profondo con la terra, l’orgoglio di aver contribuito a costruire il nuovo modificando l’ambiente con il rispetto e l’attenzione propria di chi lo ama.


 

Massimo Crivellari
Fotografo d’architettura, esordisce come fotografo naturalista negli anni ’80 e da allora continua a coltivare la sua passione per il mondo naturale, il paesaggio urbano e antropico del Friuli Venezia Giulia. Nel 2010 il CRAF gli assegna il premio Friuli Venezia Giulia fotografia.

Roberto Francomano
Fotografa dal 1979 dedicandosi prevalentemente alla foto di viaggio e al reportage di carattere sociale. È affascinato dall’uomo, dalla natura e dall’opera di trasformazione svolta dal tempo sulla materia.