NICE TO MEET YOU – Workshop internazionale di teatro multimediale

Workshop a cura di Desy Gialuz, Natalie Norma Fella e Ruben Vuaran

Il Festival Contaminazioni digitali, in collaborazione con il progetto europeo “Nice to Meet You” propone dall’1 al 7 ottobre un workshop intensivo dedicato al teatro multimediale.
Il laboratorio, gratuito, si rivolge a tutti i cittadini italiani e sloveni interessati ad esplorare e sperimentare metodologie di lavoro in cui i linguaggi del teatro e della performance interagiscono con la multimedialità e il digitale.
Al centro del racconto sarà posta la questione dell’accoglienza dei migranti.
Possono partecipare registi, attori, studenti attori, videomaker o semplicemente coloro che vogliono mettersi in gioco, partecipare a un grande lavoro di gruppo, sperimentando nuove modalità performative per riflettere su temi fondamentali per il nostro tempo.

“Nice to meet you!”. “Piacere di conoscerti!”.
Quante volte l’abbiamo detto nella nostra vita? E’ solo un modo di dire? Conoscere significa aver notizia di una cosa, sapere che essa esiste. Quando diciamo “piacere di conoscerti” è il primo punto d’incontro. Sapere che esisti. Ma quali sono tutte le sensazioni durante un incontro? E quali pensieri nascono dopo? Lingue, culture, forme di saluto e accoglienza diverse, ma alla base c’è l’incontro. L’osservazione e la curiosità.
(Desy Gialuz)

Il Workshop “Nice to Meet You” sarà condotto da Desy Gialuz, Natalie Norma Fella e Ruben Vuaran e si inserisce all’interno dell’omonimo progetto europeo promosso dal Comune di Fiumicello (ITA) e dal Comune di Postojna (SLO) e gestito dall’Associazione Quarantasettezeroquattro all’interno del programma ECAEA Europe for Citizens – Town Twinning.

Qualche informazione in più
Il progetto di gemellaggio “Nice to Meet You” propone una serie di attività correlate tese a contrastare i pregiudizi e la stigmatizzazione nei confronti dei richiedenti asilo e rifugiati, promuovendo la loro accettazione e integrazione come cittadini a tutti gli effetti nelle comunità di accoglienza.
All’interno del progetto, il workshop di teatro multimediale intende proporre un lavoro sui linguaggi performativi e multimediali per promuovere una “contro-narrativa” capace di mettere in discussione un’immagine stigmatizzata e stereotipata deI migranti. Dinamiche di gioco teatrale saranno l’incipit per sviluppare e approfondire un personale punto di vista sull’argomento e condividerlo con gli altri. Il linguaggio di azione e creazione scenica sarà in costante dialogo con quello multimediale e sonoro. I partecipanti apprenderanno tecniche e metodologie del teatro sociale e del teatro multimediale, sviluppando un lavoro intensivo che metterà a confronto cittadini italiani, cittadini sloveni e richiedenti asilo e porterà alla realizzazione finale di una performance da proporre all’interno del festival multimediale “Contaminazioni Digitali”.

Il lavoro sviluppato dai partecipanti al workshop prenderà avvio dal percorso di progettazione partecipata e confronto attivo tra cittadini italiani, sloveni e migranti che sarà realizzato nelle settimane precedenti all’interno del progetto europeo. Si farà leva sul potenziale di cambiamento sociale basato sull’approccio riflessivo e dialogico prodotto nel corso di queste attività. Il lavoro di ricerca propedeutico svolto dai partecipanti al progetto europeo sarà volto da un lato ad evidenziare le informazioni e l’immagine/le immagini offerte dai mass media sui migranti e dall’altro all’approfondimento delle conoscenze delle linee guida comunitarie, delle legislazioni nazionali e relative applicazioni locali.

La performance conclusiva, attraverso i linguaggi della multimedialità e quelli universali del movimento della musica e delle immagini svilupperà una “pedagogia dell’ospitalità” attraverso la drammatizzazione di una sorta di manuale di buone pratiche, una “Guida all’accoglienza” che promuoverà la costruzione di un immaginario “alternativo” sulle persone costrette a lasciare le proprie terre e a chiedere aiuto e asilo in Europa.

Desy Gialuz, diplomata in arte drammatica presso l’Accademia Nazionale “S. D’Amico” di Roma. Segue il percorso pedagogico, teatrale e mimo di J. Lecoq e frequenta la “Piccola Scuola di Circo di Milano”. Studia teatro e collabora con professionisti come Nekrosius, Karpov, Ronconi, Salveti, P. Sepe, G. Vacis, Michele Abbondanza.
E’ socia “Agita” – Associazione per la promozione e la ricerca della cultura teatrale nella scuola e nel sociale.

Natalie Norma Fella, attrice milanese diplomatasi nel 2008 alla Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine. Da anni segue corsi di perfezionamento sul metodo degli etjud di Vasiliev’ con il gruppo milanese Fuoco alla Paglia. È stata tra gli artisti selezionati dal CSS – Teatro Stabile d’Innovazione del FVG per il laboratorio residenziale negli spazi di Villa Manin con la regista e coreografa argentina Constanza Macras. A giugno 2017 ha partecipato ai Rencontres Internationales promossi dal Festival TransAmériques di Montréal (Canada). Lavora con diverse compagnie e associazioni in qualità di attrice e docente di recitazione. È fondatrice del collettivo artistico Wundertruppe.

Ruben Vuaran, dopo la laurea in cinema al D.A.M.S. di comincia a fare le prime esperienze su set di cortometraggi come operatore, microfonista e fotografo di scena. Nel 2007 intraprende un percorso di tecnico teatrale, nei teatri di Cormons e Gradisca d’Isonzo per la cooperativa A.Artisti Associati.
Al lavoro teatrale affianca l’attività di videomaker, collaborando con diverse realtà associative regionali. Si occupa, tra l’altro, di videoproiezioni, videomapping e scenografie multimediali.
Dal 2012 ha partecipato a diversi set cinematografici come assistente di produzione; tra gli altri: Un caso di coscienza, Il ragazzo invisibile, Era mio figlio.

Destinatari
Il workshop è aperto a tutti i cittadini italiani e sloveni interessati ad esplorare le tecniche del teatro sociale e multimediale e interessati a mettersi in gioco nel processo di realizzazione di una performance multimediale.
Non ci sono limiti di età.
Saranno selezionati al massimo 7 partecipanti italiani e 7 sloveni.

Costo
Il workshop è gratuito.
A tutti i partecipanti sarà offerto il pranzo nei giorni di partecipazione al workshop e alla performance.
Ai partecipanti sloveni sarà offerta anche l’ospitalità.

Luoghi e giorni
Il workshop si terrà a Fiumicello dall’1 al 7 ottobre presso la Sala Bison in piazzale dei Tigli.
Gli orari saranno definiti dai docenti sulla base degli iscritti. Una parte degli incontri coinvolgeranno l’intero gruppo mentre alcune attività saranno sviluppate con gruppi più ristretti.
Si tratta, in ogni caso, di un workshop intensivo che prevedrà un impegno di almeno 4 ore al giorno per tutto il periodo.

Performance finale
La performance finale si terrà in prima a Fiumicello il 7ottobre.
Sono previste altre due repliche: ad Artegna il 21 ottobre e a Cormons il 4 novembre.
Le tre repliche si inseriranno all’interno del programma di Contaminazioni Digitali – Festival Multimediale Itinerante.

Info e iscrizioni
Per qualsiasi ulteriore informazione:
segreteria@quarantasettezeroquattro.it
Alessandro Cattunar: 3381411435

Per iscrizioni:
scrivere una mail a segreteria@quarantasettezeroquattro.it con i propri dati personali (Nome, Cognome, data di nascita, indirizzo di residenza, domicilio, mail e numero di telefono) allegando breve lettera motivazionale e profilo curricolare.

Progetto finanziato da
EACEA Europe For Citizens – Town Twinning

Lead partner
Comune di Fiumicello

Parner
Comune di Postojna

a cura di
Associazione Quarantasettezeroquattro

in collaborazione con
Kulturno izobraževalno društvo Pina (Koper)
Cooperativa Thiel (Fiumicello)