Migrart: l’arte come incontro

di Marta Iacuzzi, Caterina Liva, Marianna Turrin

Giovani reporter per Contaminazioni Digitali

INTERVISTA ALL’ASSOCIAZIONE MENTI LIBERE

“ Vogliamo cambiare il punto di vista degli spettatori sul tema dei migranti e far capire come si vive un esperienza così difficile”.

L’idea di questa performance nasce da un viaggio. Un viaggio che li vede protagonisti di un’avventura che li porta dal Friuli fino al confine turco-siriano, percorrendo la rotta balcanica.

Durante il viaggio incontrano vari bambini che con tanta felicità dipingono, su un rotolo di carta di 30 metri, immagini di un futuro migliore.

L’arte in questo percorso è stata il linguaggio per comunicare con tutte le persone che hanno incontrato purché non conoscessero la loro lingua.

La performance sarà accompagnata da un sax tenore, dalle tastiere e da Tommaso Sandri che sul momento disegnerà una storia.

All’interno dello “spettacolo” il pubblico sarà coinvolto dagli artisti e vi porteranno nel loro mondo così fantastico ma nello stesso tempo così reale.

Oggi, sabato 21 ottobre dalle ore 20 ad Artegna in piazzetta Cragnolini

Vi aspettiamo per una serata all’insegna dell’arte e dello spettacolo.