Mareplurale

Fotomosaico

ideatore e coordinatore del progetto: Elio Germani
fotografi e partecipanti: Ullah Hafiz, Iqbal Zarmal, Alan
Amini, Khan Gul, Khan Muhammad Asif, Afzal Shaid, Dorani
Abdulaziz, Gulbadin Stanikzai, Giulio Zeriali, Hayat Yasir,
Malikzada Kamran, Khan Suliman, Hussein Waqar, Shema
Elvira, Shema Verona, Syed Jarrar, Syed Athar, Naqibullah
Omar, Joseph Chand

Piazza Vittoria
dal 17 al 21 maggio
tutto il giorno

MarePlurale è un fotomosaico di 5000 ritratti, risultato
di un laboratorio partecipato che vede protagonisti
come fotografi gli/le ospiti delle strutture d’accoglienza
a Trieste. Si tratta di un progetto collettivo che
crea interazione tra nuovi arrivati, residenti, turisti e
passanti per recuperare lo spirito storicamente aperto
e cosmopolita di questa città mediterranea. È una
risposta all’ondata discriminatoria e retrograda che sta
investendo l’Europa e il Mediterraneo, in un momento
caratterizzato dall’irrigidirsi delle frontiere, dal risorgere
dei nazionalismi e dalla xenofobia crescente.
MarePlurale vuole richiamare l’attenzione sull’enorme
numero di morti nel Mediterraneo: più di 5.000 solo
nel 2016.

Elio Germani
Vive e lavora tra Belgio e Italia. Nel suo lavoro unisce il
background artistico all’interesse per tematiche sociali contemporanee.
Attualmente lavora alla documentazione della
cosiddetta “crisi migratoria”, con un reportage sulla Rotta
balcanica, The Dispossessed, che l’ha portato dall’Ungheria
al confine turco-siriano. Reportage che si dedica anche al
lato personale delle persone incontrate e alla loro recente
sistemazione, prevalentemente in Germania.