Centogrammi / Installazione multimediale

Dal 29 giugno al 1 luglio
Tutte le sere
Ore 21.30 – 24.00 Piazza XXIV Maggio / Museo civico del Territorio

Centogrammi

Video installazione multimediale creata per la campagna di comunicazione del progetto Reduce, promosso dal Ministero dell’Ambiente e realizzato dalle Università di Bologna, Viterbo, Udine e Milano.
Paolo Scoppola

Centogrammi è la quantità di cibo che un italiano spreca, in media, ogni giorno ed è anche uno dei risultati di REDUCE, il primo censimento nazionale sul tema dello spreco alimentare. Il progetto, promosso dal Ministero dell’Ambiente e realizzato dalle Università di Milano, Bologna, Viterbo e Udine, ha una sezione dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica che è stata sviluppando seguendo il linguaggio dell’arte. Così è nata Centogrammi, un’opera video che lancia un messaggio forte sul tema della sostenibilità.

Una grande videoproiezione riproduce centinaia di flussi colorati che scorrono lentamente da un’estremità all’altra dello schermo. I flussi rappresentano il nutrimento che la Terra produce ogni giorno e che è pronto a sostenere l’uomo. Le persone si avvicinano allo schermo e appaiono, in primo piano, le loro sagome riflesse. I flussi iniziano ad entrare nei corpi degli spettatori a trasformarsi in forme astratte ed attraenti. Ci stiamo nutrendo per vivere la nostra giornata e produrre bellezza. Dopo un breve tempo, però, si formano altri tipi di forme, sgradevoli e opprimenti: qualcosa non va, stiamo accumulando cibo in eccesso, generiamo spreco e questo rovina l’equilibrio della scena.I flussi morbidi che avvolgono il nostro corpo, sono diventate opprimenti striature grigie e tutto lo schermo si sta trasformando in un’immagine opaca. Il pubblico si allontanta e a poco a poco, riappare la scena iniziale.

L’equilibrio è la chiave di lettura dell’esperienza sensoriale. Avere energia nella la “giusta” quantità è il valore da perseguire. L’abbondanza, culturalmente considerata un valore positivo, si trasforma presto, invece, in spreco.
Un’attenzione che si riverbera nel valore della “circolarità”: comprare la giusta quantità di cibo e lasciare nello scaffale il prodotto che non è necessario, vuol dire permettere che lo stesso alimento sia consumato da altri. Viceversa, comprare un prodotto e poi sprecarlo, vuol dire immettere rifiuti in circolo. Così, ogni elemento dell’installazione appare e scompare in un eterno circolo virtuoso oppure “vizioso”. Terzo ed ultimo tema dell’installazione è quello della “condivisione”: perché le problematiche dello spreco possono essere superate al meglio se discusse in gruppo. Infatti l’opera è stata creata per essere fruita da gruppi di 7-8 persone per schermo in modo vivere l’esperienza nella condivisone delle emozioni.

L’installazione Centogrammi è stata presentata in antemprima al Maxxi di roma il Primo Febbraio 2018, in occasione della quinta giornata nazionale contro lo spreco alimentare.

centogrammi from Paolo Scoppola on Vimeo.