Asbestos.img

Mostra fotografica

ex Ferramenta Krainer
Giovedì 18 ottobre, ore 18.30 / Vernissage
Venerdì 19 ottobre, ore 19.30 – 22.30
Sabato 20 ottobre, ore 15.00 – 20.00
Domenica 21 ottobre, ore 11.00 – 20.00
Venerdì 26 ottobre, ore 16.00 – 20.00
Sabato 27 ottobre, ore 16.00 – 20.00
Domenica 28 ottobre, ore 11.00 – 20.00


 

Asbestos, amianto, sinonimo di Eternit, sinonimo di malattia, dolore, morte. Un progetto che è un percorso di conoscenza e di riflessione, di denuncia e di impegno civile in cui la materialità delle immagini fotografiche manifesta un problema di estrema attualità e ci fa soffermare su ciò che abbiamo costantemente sotto gli occhi ma che non vediamo o a cui non prestiamo la necessaria attenzione. Nonostante la legge del 1992 abbia bandito l’uso dell’amianto in Italia, continuano le vittime di una malattia, l’asbestosi, che si può manifestare a distanza di molti anni e continua la piaga dello smaltimento, una ferita aperta che si rinnova continuamente.
ASBESTOS.IMG Tre fotografi, tre percorsi, tre linguaggi per affrontare una tematica sociale del nostro tempo; racconti di persone e luoghi precisi, conosciuti, vicini che si fanno archetipo di una problematica che sconfina il nostro territorio e le nostre genti.
“Deserti” di Marco Citron dà visibilità all’amianto abbandonato in discariche abusive e in ex caserme.
“In transito” di Roberto Francomano affronta la quotidiana presenza dell’amianto nell’edilizia pubblica e privata.
“Racconti” e “Polvere” di Alessandro Ruzzier ci avvicinano alle storie personali e sociali allo stesso tempo degli esposti all’amianto e dei loro familiari.


 

Marco Citron
La sua ricerca artistica riguarda principalmente il paesaggio urbano e naturale e si focalizza attorno all’idea di luogo. Nel 2009 è tra i vincitori del Portfolio Review al 40° Rencontres d’Arles. Nel 2011 è stato invitato ad una residenza artistica con Boris Mikhailov a Donetsk (Ucraina).

Roberto Francomano
Fotografa dal 1979 dedicandosi prevalentemente alla foto di viaggio e al reportage di carattere sociale. È affascinato dall’uomo, dalla natura e dall’opera di trasformazione svolta dal tempo sulla materia.

Alessandro Ruzzier
La relazione tra l’uomo e il paesaggio, la sua rappresentazione e l’esperienza sono aspetti centrali della ricerca di un artista che si esprime anche attraverso l’utilizzo e la manipolazione di suoni e immagini video.