Anime da integrare

18 maggio 2017, ore 19.00
mediateca provinciale di gorizia, via bombi 7

idea progettuale: Giulia Modula
un ringraziamento speciale per la collaborazione all’Atelier SpazioCorpo di Udine

Danzeranno:
Chiara Alice Bolzicco
Davide Medeossi
Laura Pituello
Lisa De Luca
Grazia Pregnolato
Giulia La Montagna
Giulia Modula

“Io sono un estraneo per loro, loro sono estranei a me.”
Cosa si può fare contro questo scetticismo, questa freddezza sociale? è possibile trovare dei punti
d’incontro? Per i migranti la cultura può rappresentare un modo di incontrare le comunità esistenti,
comunicare con loro e diventarne parte.
Progetti teatrali, laboratori artistici possono fare qualcosa di molto importante che molto spesso è sottovalutato. La danza, ad esempio, porta l’individuo a un momento in cui era felice, si rilassa, si stanca e può arrivare a superare traumi passati, lasciandosi andare e provando ad esprimere esperienze non semplici da verbalizzare.
Analizzeremo quindi l’esperienza di una ragazza, Gali, che, proprio grazie alla danza, sta aiutando una
piccola comunità di immigrati a Berlino e ve la presenterò dal mio punto di vista unicamente attraverso il
linguaggio del corpo.

durata: 20/25 minuti


 

Giulia Modula, coreografa e performer, inizia lo studio professionale della danza contemporanea una volta trasferitasi a Milano. Qui ha l’opportunità di formarsi con artisti quali Cristiana Milioni (Cunningham), Rosita Mariani (Release) e Simone Magnani(Contact Improv). Nel 2013 studia presso il Balletto Teatro di Torino sotto la direzione di Loredana Furno, dove ha il piacere di danzare per Matteo Levaggi e Daniele Ninarello. Ottenuto il master, si trasferisce a Sydney dove collabora con Caterina Mocciola e Jay Bailey per il Sydney Fringe Festival e successivamente a Melbourne per studiare con Anouk Van Dijk (Countertechnique).
Nel 2015, dopo un periodo di residenza coreografica presso la Play Practice Residency in India, si esibisce al Shoonya centre di Bangalore con “Interplay” di Abhilash Ningappa.
Partecipa, inoltre, a workshops condotti da coreografi internazionali quali: Jasmina Sipila (Contact Improv), Guy Nader e Maria Campos (Falling and Rolling e Partnering), Bruno Caverna (Play-Fight) e David Zambrano ( Flying Low e Passing Through).