FATE PRESTO

CORTE BRATINA/PIAZZA VITTORIA
Dal 25 al 29 maggio 2016


 

 

Idea progettuale e fotografie di Emanuela Di Guglielmo (Università di Parma/Dipartimento di urbanistica), foto di archivio del Comune Conza della Campania, il Calitrano: Centro Studi Calitrano, Tano d’Amico, Quaderni di “Lotta continua” n.2, Arch. Carluccio e Arch. Verderosa.
Audio di Corriere della Sera/ CorriereTv,  Marina Brancato/ Intervista alla signora Bruna di Conza, foto copertina: Andy Warhol

“Fate Presto” è un’installazione/performance. Un grande boato che ricorda il terremoto dell’Irpinia catturerà l’attenzione del visitatore. “Fate Presto”, il titolo dell’opera ma anche il titolo del quotidiano il Mattino del 1980, è un appello di aiuto di allora ma soprattutto un appello rivolto ai visitatori del festival. Sano chiamati ad immergersi nella realtà Irpinia pre-post sisma attraverso un video fatto di immagini sul paesaggio/abitazioni e ricostruzioni e a costruire la propria città ideale dopo la catastrofe. Potranno partire da una città simbolo, fatta di cartone ben visibile nel luogo dell’installazione per riportare alla luce la bellezza e l’identità dei luoghi e per concretizzare e dare luce alla propria città ideale.


Emanuela Di Guglielmo è architetto e vive tra Londra e l’Irpinia. Si occupa da anni della lettura dei territori e dei luoghi che ha abitato ed in modo particolare della sua terra d’origine. Utilizza la fotografia e l’analisi antropologica come mezzo d’indagine, attraverso ciò riesce a percepire e conoscere il Genius loci, punto d’origine di tutti i suoi lavori fotografici ed artistici.